"La leggerezza si associa con la precisione e la determinazione,non con la vaghezza e l'abbandono al caso" Italo Calvino

Quanto presente su questo blog appartiene come diritti intellettuali a Rossana Di Poce, pertanto è vietato copiare i testi o scaricarne le immagini senza previo consenso dell'autrice.

30 dic 2014

Dal caffè sospeso al caffè crossing: l'abbiamo inventato a Napoli

Camminando per via dei Tribunali in questi giorni, avrete notato che il bar del Generale o Diaz, ha esposto due cartelli e una lista (meno visibile).
Avevo già scritto in proposito della "cultura del sospendere" come atto di rivolta dove " una lunga matrice filosofica,  nelle radici della parola greca yps (su, sopra) e un Sanscrito forse, di spand-par : tremare, nel senso di agitare. Sospendere dunque, è un atto fortemente sovversivo delle regole e non così pacifico: un agitare sopra, se leggo in Latino. Molto più che un atto solidale: lo compie il popolo l'atto del sospendere, e il singolo individuo; lo fa silenziosamente dal basso verso l'alto, incrinando i rapporti tra le cose"
L' "acino di fuoco" (Riccardo Pazzaglia) era un esempio: quando in un cortile a Napoli, qualcuno aveva acceso il fuoco, su una paletta era disposto a dare un tizzone ardente al suo vicino che non l'aveva acceso: gli passava un "acino di fuoco"; così la pizza ad otto, e ultimamente il biglietto sospeso ( http://rossanadipoce.blogspot.it/2014/10/la-cultura-del-sospeso-caffe-pizze-otto.html )
Torno a scrivere del caffè sospeso, perchè la sua ispirazione ormai è universalmente riconosciuta e a Napoli, davvero esiste qualcuno che ne ha fatto una intelligente idea. Al Caffè del Generale o Diaz, in via dei Tribunali, c'è stata l'evoluzione della specie, il 2.0 dell'idea del sospendere il caffè.
Da gesto anonimo, tra l'offerente che lascia pagato il caffè , il barista che segna da parte e il "povero" che lo va a prendere senza dover spendere, c'è oggi una lista nominale.
Il bar infatti ha pensato di mettere in bella vista l'elenco dei nomi degli offerenti caffè sospesi : in maniera che voi passiate, lasciate pagato un caffè e il vostro nome compare nell'elenco dei donatori.
Non male come idea: abbiamo la prova a vista che ancora esiste davvero il caffè, e che proprio il nostro caffè verrà consumato, insieme a quello degli altri, come è giusto che sia: e dunque, la nostra diventa una "sospensione garantita" del caffè.
Siamo al limite di quel fenomeno che all'estero si chiama "crossing" : il più conosciuto esempio è quello che si fa coi libri , il book crossing , ovvero abbandonare un libro in un posto aspettando che qualcuno lo prenda e non fermi la catena. Un fenomeno nato nel 2001 a livello digitale ma che conta esempi anche più antichi (di cui il caffè sospeso è padre) . L'idea del caffè sospeso in lista, la variante nata a Napoli al Bar del Generale o Diaz, ha il vantaggio di poter sviluppare il  caffè crossing: io lo pago a te , tu lo paghi a me. E' un nome della lista dietro al quale c'è questo atto, e potrebbe diventare una catena infinita. Possiamo annoverarlo tra le invenzioni partenopee più recenti: e potremo provare ad esportalo come idea.
La generosità che il caffè sospeso ha generato, oggi con questa lista ha quell'aspetto pubblico, quel "selfie" di cui non sappiamo fare a meno: ci riconosciamo nel nome e più volentieri facciamo il gesto di donare.
Il Caffè crossing, ha il vantaggio di essere più ecumenico: non devo essere necessariamente povero per prenderlo, fermo restando che qualcuno possa anche non pagarlo e dunque beneficiare della primitiva idea partenopea; ma se riusciamo a prendere un caffè sospeso dalla lista (da un nome che ci piace) portare un amico e pagargli un caffè (e questi a sua volta lasciarne uno sospeso e se vogliamo anche noi) abbiamo generato una catena infinita che potrebbe coinvolgere il mondo. Insomma, non fermate la lista del sospeso e rendetela più ampia possibile: vi sorprendere a leggere che la lista diverrà infinita.
E il caffè sospeso, tradizione parteopea di cui andare fieri, avrà acquistato quella globalità che ormai è inevitabile: un atto di civiltà ecumenico.
Buon caffè sospeso crossing, pensato e realizzato a Napoli, per questo 2015 !

2 commenti:

  1. Tutto è perfezionabile,anche un'iniziativa già bella di suo...

    RispondiElimina
  2. sarà per questo che , camminando per "vicoli vicarielli strade e angolilli", se alzi gli occhi al cielo vedi tutti i panni "sospesi"
    sospendere e appendere, lasciare appeso...................... in atteso dell'evento, dal caffè sospeso al caffè crossing, un'evoluzione interessante
    quasi una Magia

    RispondiElimina