"La leggerezza si associa con la precisione e la determinazione,non con la vaghezza e l'abbandono al caso" Italo Calvino

Quanto presente su questo blog appartiene come diritti intellettuali a Rossana Di Poce, pertanto è vietato copiare i testi o scaricarne le immagini senza previo consenso dell'autrice.

08 mag 2017

La Certosa di Trisulti e le cascate di Isola del Liri: ai confini del Regno di Napoli.



La nostra nuova avventura si svolge ai confini del Regno di Napoli: nella Terra di Lavoro solcata dal fiume Liri che con le sue cascate incredibili, metteva in moto le antiche fabbriche di carta e della lana che furono l'orgoglio del Regno e dei Francesi che per primi ne intuirono il valore e vi investirono. La Città Fabbrica - Isola del Liri- è uno scrigno di archeologia industriale, col suo paese barocco sotto l'imponente mole del castello Della Rovere-Viscogliosi-Boncompagni (che un tempo ospitava la #Fornarina di Raffello).Borgo di impareggiabile bellezza, con la sua cascata nominata proprio quest'anno, 2017, la seconda meraviglia naturale d'Italia, e l'unica ad avere un paese aggrappato attorno.
Dalla fine del 1500 le sue cartiere sono attive, e hanno fornito il materiale prezioso su cui si compiva la rivoluzione del pensiero , ma anche la sua conservazione. Faremo una passeggiata nel paese, "il salotto della Ciociaria" , guardando l'antico borgo appeso sotto la cascata, il parco della cascata e ciò che rimane di uno scenario unico della rivoluzione industriale nazionale, orgoglio del Regno di Napoli. Mentre in mattinata saremmo stati a visitare l'antica e venerata Certosa di Trisulti, costruita prima dell'anno Mille come una roccaforte antica di sapienza e religione sui monti di Collepardo.  Coi suoi giardini, l'antica spezieria, e la sua struttura, che Tino di Camaino andò a visitare per pensare quella di Napoli, la certosa di San Martino, e ci incanterà all'ombra dei boschi incontaminati.

I Giardini coloratissimi dai prati, con gli iris viola che ogni anno fioriscono, e le sculture grottesche dei bossi; la farmacia-spezieria con le sue grottesche, le pergamene usate per fare ogni cosa, la collezione di veleni antichi, e l'atmosfera di un ritiro spirituale che ancora oggi accende la speranza di un mondo migliore, dove ai Certosini hanno fatto seguito i Cistercensi, ed è ancora, uno dei luoghi più suggestivi della terra.
---Partenza ore 8
Arrivo Certosa ore 11.30-visita
Pranzo libero 
(sarà possibile prenotare il pranzo alla Certosa con menù da stabilire)
Arrivo Isola del Liri ore 17.00-ritorno a Napoli ore 20.
Contributo associativo euro 45 (senza pranzo)Ogni info Ass.FocusArt 338 1099379 

Nessun commento:

Posta un commento